RADIATORS AS ART


C'era un tempo in cui fine febbraio rappresentava il giro di boa stagionale, in cui già guardavamo alla bella stagione. Oggigiorno però non possiamo immaginare quando saluteremo l'inverno, per accogliere la primavera. Ci possiamo ritrovare a dover tenere accesi i CALORIFERI ancora per qualche mese.
Ma che siano ACCESI O NO, i TERMOSIFONI continuano a far parte del paesaggio domestico anche durante la bella stagione, e meritano quindi un’attenzione non indifferente. essendo infatti  (generalmente) elementi fissi dello spazio, e quindi meno flessibili rispetto agli altri mobili, hanno necessità di un’attenta cura nella scelta dello stile anche rispetto al loro posizionamento.

Aziende e designers dedicano una rinnovata attenzione ai caloriferi, badando fortunatamente, anche alla COMPONENTE ESTETICA, oltre che a quella funzionale. In precedenza erano dati totalmente per scontati, presi in considerazione solo per la loro funzione, e prodotti in un unico modello, quello a lamelle, la cui unica variante era la quantità dei moduli rispetto ai metri quadri da riscaldare. I caloriferi moderni nascono invece da un PROGETTO, che rispetta e valorizza le caratteristiche di questi  importanti accessori della casa.
Sono ora elementi che riescono a dare un importante accento allo spazio, e rappresentano un SEGNO permanente che influisce nello stile dell'arredo.

Possiamo così finalmente dire addio agli antiquati termosifoni a lamelle per lasciare spazio a nuovi e più interessanti OGGETTI D'ARREDO, che oltre ad avere maggiori e migliorate prestazioni tecnologiche, che rispettano maggiormente le esigenze di risparmio, e le direttive della classe energetica, si adattano perfettamente al nostro arredamento, e si possono tenere perciò  in bella mostra!
Alcuni hanno un disegno talmente bello e interessante da sembrare delle vere OPERE D’ARTE.    

vi proponiamo una selezione dei caloriferi più interessanti:

http://www.theradiatorfactory.com/Default.aspx 
HEATWAVE / Joris Laahrman  / the radiator factory

http://www.antrax.it/it/radiatori
SCUDI / Massimo Iosa Ghini  / antrax

http://www.tubesradiatori.com/  
SCALETTA /  Elisa Giovannoni  / TUBES

http://www.caleido.it/radiatori/collezioni
HONEY /James Di Marco /CALEIDO

http://www.foursteel.eu/pt/  
DIAMOND XS /  Patrick Pedrosa / foursteel

http://www.madeadhoc.com/ita/index.php 
CIUSSAI / Giorgio Di Tullio , Stefano Ragaini / ad hoc

http://www.deltacalor.com/it/quilt.html
 QUILT / Peter Jamieson / deltacalor

http://www.sciroccoh.it/ 
GRAFFE / Franca Lucarelli , Bruna Rapisarda/ schirocco

http://www.saazs.com/
MATIÈRES À CHAUD / 5.5 Designers / saazs

http://www.id-ee.eu/  
ROCKANDROLL / Karim Rashid / Idee

DÉJÀ VU DESIGN


Guardando ai contemporanei prodotti di design si ha spesso la sensazione di un DÉJÀ VU. Ciò è dovuto al fatto che molti progetti non riescono a essere totalmente NUOVI, ma hanno necessità di rifarsi, o di ricalcare le forme di icone del design del passato. La cosa interessante, quanto triste e che in questa forma di interpretazione talvolta non c’è ricerca o innovazione ma solo una mera ripresa del segno, fine a se stessa.
Il design ha come sua “MISSION” implicita il NESSO con il CONTEMPORANEO, lo stile, il modo di vivere, il momento tecnologico, i trend culturali. Sembra invece che

DEDICATED TO PETS


Parlare di DESIGN PER GLI ANIMALI è un argomento di tendenza, e lo si nota dalla quantità di designers che si dedicano alla progettazione di cucce e mobili ad oc, l'attenzione dei media, il numero blog, riviste o supplementi totalmente dedicati ai pelosi domestici, la nascita di aziende che hanno come focus proprio la PROGETTAZIONE PER ANIMALI.
D'altronde una fetta sempre più consistente di pubblico ha acquisito maggiore coscienza ed è più attenta rispetto alle esigenze dei compagni a quattro zampe.

I nostri animali abitano con noi le nostre case, vi circolano, la usano a pieno, ne fanno parte. Finalmente abbiamo smesso di darli per scontati sistemandoli alla bene meglio con un tappetino a fianco della lavatrice, e dedicando  loro il giusto spazio, rendendolo confortevole, con accessori e mobili appositamente disegnati per loro. 

Le NECESSITÀ degli animali sono però alla fine semplici e poche, e sicuramente la principale è data dalla CUCCIA, luogo privilegiato ed esclusivo dove passa gran parte del suo tempo, non solo per dormire, ma anche per "stare" quando non ha di meglio da fare, ed è proprio in quest'oggetto che si concentrano gran parte delle ricerche. 

In alcuni casi pedanti padroncini eccedono nell'entusiasmo, e piuttosto che acquistare una nuova cuccia e una ciotola al loro cagnetto, gli costruiscono una "DEPENDANCE" in stile "VERSAILLES", magari a più piani, e più stanze, senza accorgersi che magari lui si sente smarrito in un posto così grande, e avrebbe preferito qualcosa di più raccolto, o in alternativa avrebbe voluto condividere la casa dei suoi "genitori", giusto per stare un po' più, sempre, vicino a loro. E' anche vero che cucce e lettini fanno oramai parte integrante del paesaggio domestico e del giardino, ed è giusto scegliere qualcosa che si "INTONA" all'ambiente. Ciò non significa che lo spazio dedicato agli animaletti domestici debba per forza diventare un'installazione.

Di seguito vi mostriamo la nostra selezione delle migliori soluzioni, e le più interessanti ricerche dedicate ai nostri AMICI PELOSI.
_

In alcuni casi CUCCE e GIACIGLI ricalcano il design di mobili e sedute per gli "umani", ne mantengo stile e fattura, tanto da confondersi perfettamente con i mobili domestici, se non fosse per le proporzioni in MINIATURA!


Un'altro interessante filone di ricerca dedica parte dei MOBILI DOMESTICI agli animali, che hanno accesso all'arredamento NORMALE della casa, con delle piccole simpatiche modifiche, che li rendono più adatti a loro, ma anche più adatti all'arredamento.


Anche in GIARDINO il nostro animaletto sarà ancora più felice se avrà una cuccia adeguata, che ha anche il pregio di aggiungere un tocco di stile all'arredo esterno.

Altre ricerche davvero utili, portano alla costruzione di strutture agevoli per gli animali, in particolare i gatti che amano arrampicarsi e intrufolarsi, farsi le unghie ecc, che sono oltre che utili, esteticamente piacevoli e adattabili allo spazio della casa.


La cuccia, o lettino, dei PELOSETTI è quella che maggiormente fa sbizzarrire i progettisti, che fanno a gara a creare la più MATTA o la più CONFORTEVOLE, dando vita a infinite forme, alcune come vere e proprie SCULTURE, che faranno certamente bella figura in casa.


Un gruppo di importanti designers, ispirati dai loro animali, hanno dato vita ad "ARCHITECTURE FOR DOGS", un gruppo di progetti dedicati appunto solo ai cani. Alcuni progetti rappresentano "SOLUZIONI REALI" e utili per lo spazio canino, altri rappresentano bellissime ricerche "ASTRATTE". La genialità del progetto sta nel fatto che le tavole tecniche dei progetti vengono messe a disposizione gratuitamente cosicché ognuno può ricreare una piccola ARCHITETTURA per il PROPRIO amico peloso!


CALENDAR DESKTOP 2015


480U7.com  AUGURA A TUTTI VOI UN FANTASTICO 2015!
Nuovo anno, nuovo desktop! Vi offriamo come consuetudine un CALENDAR DESKTOP, quest'anno con un gruppo di vasi e pesci colorati, firmato 480U7,  da scaricare liberamente!
BUON ANNO!

Scarica il wallpaper nella taglia che preferisci: CLICCA SULLE ICONE E TRASCINA L'IMMAGINE

DESIGN MASTER: ETTORE SOTTSASS


Poliedrico e incredibile costruttore di mondi, il maestro ETTORE SOTTSASS con la sua opera ci ha dato la possibilità di esplorare e conoscere le vie culturali e poetiche che risiedono in un oggetto, insegnandoci che la forma non è solo quella che si vede, ma quella che viviamo, con l' uso e con lo sguardo.

Nato ad Innsbruck nel 1917 dall'architetto Ettore Sottsass senior e Antonia Peintner, studia architettura al Politecnico di Torino laureandosi nel '39, ma la sua attività sarà incentrata a Milano, dove nel 1947 dove apre il suo primo STUDIO di design, anche se il design è solo una componente del suo poliedrico lavoro. Egli infatti è

Contemporary Interiors: MINIMAL


Il termine MINIMALISMO è in uso già dagli anni 60, riferito alla corrente artistica concettuale, che tende a "togliere" il superfluo pittorico, per ottenere l'essenza artistica.  Il MINIMALISMO nell' INTERIOR DESIGN ha preso piede solo negli anni '90, come contro-tendenza all'iper-decorato e multicolorato stile degli anni '80. Con presupposti simili a quelli in arte, lo stile MINIMALE implica una epurazione dalla decorazione superflua e una scelta di forme semplici ed essenziali, la RIDUZIONE DEGLI ACCESSORI al minimo indispensabile, ed una gamma cromatica basata principalmente su COLORI NEUTRI.

Diverse sono le teorie sull'origine dello stile minimale, alcuni dicono che derivi dallo stile NIPPONICO, altri dalle influenze NORDICHE. Sta di fatto che lo STILE MINIMALE è rappresentato perfettamente dal

NORMAL SUPERNORMAL DESIGN

Di fronte al panorama degli OGGETTI di tutti i giorni osserviamo uno SCARTO sempre maggiore tra ciò che viene definito "oggetto di DESIGN" e quello che è l' "oggetto D'USO" quotidiano, e ci riviene in mente il concetto del "SUPERNORMAL".

È un fatto che media, giornali e blog rivolgono sempre più l'attenzione verso quegli oggetti che hanno caratteristiche PERFORMATICHE / ESTETICHE ESTREME. Basti pensare a oggetti superpubblicati come alcune sedie create apposta per le copertine, con appariscenti scocche di plastica super-espressive e di dubbio gusto, alcune forme futuribili di 50 o 60 anni fa, o contenitori fatti di farina dai costi improponibili, che non possono neanche contenere sostanze umide, perché si sfalderebbero... L'elenco potrebbe non finire mai, basta sfogliare un qualsiasi giornale cartaceo o virtuale per farne incetta.